Villa Igiea a Palermo, sicuramente uno dei luoghi più famosi in Sicilia e in Italia, si affaccia da più di un secolo sul mare di Palermo, tanto caro a Goethe. Nasce per intuizione della famiglia Florio in un momento di magico splendore della vita culturale della  Palermo europea.

pa_villa_igiea_mare

 

 

 

 

Progettata nel 1908 dall’architetto Ernesto Basile, uno dei maggiori esponenti del liberty, conserva intatta la sua struttura originaria. Basile la sovrappose, ad arte, ad una costruzione già esistente, ispirata al ‘400 siciliano, la cui proprietà era di un gentiluomo inglese, tale Downviller.
Ieri come oggi è impossibile restare indifferenti alla bellezza delle sale di Villa Igiea e non lasciarsi conquistare dalle decorazioni e dagli arredi liberty, realizzati su disegno dello stesso Basile nel 1898.
Eccezionale è il salone del Basile, i cui affreschi appartengono al pittore E. De Maria Von Bergler, con la collaborazione di L. Di Giovanni e M. Cortegiani.

 

 

 

 

 

pa_villa_igiea_sala2

 

Le decorazioni architettoniche lignee e arredi furono eseguiti dalla ditta " C. Golia" poi " Ducrot", l' illuminazione della ditta "   Caraffa", la ceramica della ditta " Florio", il ferro battuto dell'artigiano " Salvatore Martorella". 

La villa adibita a Grand Hotel ha ospitato il 43° CONGRESSO NAZIONALE GEOMETRI svoltosi a Palermo dal 17 al 22 ottobre 2005